La Ria Formosa

Bellezza Naturale

Le isole e i canali

Nell’estremo sud del Portogallo, nella regione dell’Algarve, troviamo la Ria Formosa, che è un sistema lagunare a forma di triangolo, costituito da paludi e da un numero impressionante di canali che assomigliano a un labirinto, dipendenti dalle maree e che sono protetti dall’Oceano Atlantico da un cordone dunale composto da 2 penisole (Cacela e Ancão) e 5 isole barriera (Deserta, Culatra, Armona, Tavira e Cabanas). Ha una superficie totale di circa 18.400 ettari e una linea costiera di circa 60 km. Si trova all’interno dei comuni di Loulé, Faro, Olhão, Tavira e Vila Real de Santo António. Anche per il suo ecosistema e la ricchezza dei suoi habitat, Canali con la possibilità di navigazione, l’accesso alle isole barriera, ecc., il Parco Naturale di Ria Formosa è un importante sistema economico nella regione dell’Algarve, che rende centinaia di professionisti legati a varie attività, come la pesca, la raccolta dei bivalvi, i vivai, la pesca ricreativa e Attività Turistiche, dipendono dalla loro esistenza e dal loro mantenimento. È iscritta nella Convenzione di Ramsar come area altamente protetta di estrema importanza internazionale per la protezione del suo habitat per gli uccelli acquatici. Per questo motivo, tutte le attività sono limitate e limitate da licenze temporanee e rigorosamente ispezionate dalle autorità.

Le Isole Barriera della Ria Formosa

Tutti gli accessi alle isole barriera della Ria Formosa devono essere effettuati via mare. Non ci sono collegamenti con la terraferma e non c’è nemmeno circolazione automobilistica. È possibile trovare solo pochi trattori che aiutano i residenti e i commercianti a trasportare merci e beni di prima necessità in alcune dune e sentieri di sabbia dove è consentito l’uso. Non c’è possibilità di passare da un’isola all’altra a piedi (no ponti) o a nuoto (larghezza e corrente sulle sbarre). Tutto ciò che troverete sarà una realtà molto diversa dalla vita continentale, in quanto tutto è abbastanza tipico, rustico e tradizionale.

Isola di Culatra

Con una lunghezza di 7 km, l’isola di Culatra ha tre centri abitati: Culatra, Hangares e Farol. Appartiene al comune di Faro e la barra tra l’isola di Culatra e l’isola di Armona (Barra velha) è la delimitazione territoriale tra i comuni di Faro e Olhão. È l’isola barriera che ha il maggior numero di abitanti. Con una tradizione culturale e religiosa unica, i 3 nuclei sono molto vicini geograficamente. Allo stesso tempo, hanno realtà quotidiane diverse. Il momento clou è la festa/processione di Nostra Signora dei Navigatori. Si tratta di una processione fluviale che si svolge nella Ria Formosa, tra la città di Olhão e l’isola di Culatra. Si svolge la prima domenica di agosto e inizia con la rimozione dell’immagine del santo patrono della comunità di pescatori di Culatra dalla cappella locale per essere portata a bordo di un peschereccio, attraverso la Ria Formosa, fino a Olhão. Dal 2021, questo festival è iscritto nell’Inventario Nazionale del Patrimonio Culturale Immateriale, secondo un annuncio della Direzione Generale per il Patrimonio Culturale pubblicato il 16 luglio 2021 sulla Gazzetta Ufficiale. I suoi abitanti sono caratterizzati da unità e determinazione, che sono diventati noti il 19 luglio 1987, giorno delle elezioni legislative, quando la popolazione in forza ha deciso di boicottare le elezioni e chiedere migliori condizioni per i suoi abitanti. Una giornata storica sull’isola che non sarà mai dimenticata dalla sua gente, tanto che la strada principale che attraversa il cuore di Culatra è stata chiamata “Avenida 19 de Julho”.

Il nucleo della Culatra

È il nucleo più grande e si trova al centro dell’isola. Abitata da circa 800 persone divise in 6 – 7 famiglie, per lo più pescatori, vivaisti e raccoglitori di molluschi. È uno dei villaggi di pescatori più tipici d’Europa, dove possiamo trovare una scuola elementare, un asilo, una chiesa, diversi caffè e ristoranti, un parco giochi, un campo da calcio in erba sintetica, diversi negozi di alimentari, un centro medico, tra le altre infrastrutture. La storia della sua gente risale a più di 100 anni fa, dove l’unione fa la forza e anche perché quasi tutti i suoi abitanti hanno un certo grado di parentela tra loro.

Dal porto alla spiaggia, il sentiero è lungo (1 km.). C’è una passerella in cemento per le dune e una passerella in legno dalle dune alla riva. Ma il suo percorso permette di attraversare l’intero borgo, passeggiare negli stretti vicoli, osservare le case tipiche e sentire la cordialità della sua gente! Molto popolare e turistica dall’inizio del 21° secolo grazie alla sua gastronomia, ai ristoranti tradizionali e alla semplicità della sua gente in termini di turisti “accoglienti”.

Nucleo di Hangares

Si trova tra i nuclei di Culatra e Farol. Come suggerisce il nome, ha qualcosa a che fare con gli aeroplani, in questo caso gli idrovolanti. Nel 1918, in occasione della Prima Guerra Mondiale, sull’isola iniziò la costruzione di un Centro di Aviazione Navale dedicato alla lotta antisommergibile. Sebbene parzialmente costruito e utilizzato, alla fine della guerra, il centro non fu mai ufficialmente attivato e le sue strutture furono utilizzate dalla Marina portoghese come infrastrutture di supporto e centro di addestramento militare.

Il suo piccolo villaggio conta circa 100 abitanti, la maggior parte dei quali pescatori in pensione. Dei 3 nuclei dell’isola, è l’unico a non avere una rete pubblica di energia elettrica, fognatura e acqua potabile. L’energia per le abitazioni è prodotta da generatori diesel o pannelli fotovoltaici. L’acqua proviene da pozzi artesiani, bacini di acqua piovana o anche da acqua trasportata via mare.

Una delle attrazioni sono i vivai Pacific Oyster Crassostrea gigas, situati dall’altra parte della riva, proprio di fronte al villaggio. Si tratta dei famosi “Ostras da Culatra”, nome recentemente registrato dall’associazione dei produttori locali. Ogni anno vengono prodotte centinaia di tonnellate di questa specie, per lo più esportate in Francia. Durante la bassa marea è possibile osservare i vivai al costante lavoro sulle strutture metalliche.

Nucleo di Farol

Affettuosamente chiamata “Isola di Farol” dagli algarviani, il nucleo di Farol è il luogo più turistico e visitato dell’isola di Culatra. Situata sul versante più occidentale dell’isola, ospita lo storico Faro di Santa Maria. Costruita nel 1851 e alta 47 metri, la sua torre conica in cemento bianco, il balcone rosso e il faro in cima, permettono di vederla da pochi chilometri di distanza.

Durante l’alta stagione, questo nucleo è molto frequentato dai turisti nazionali e stranieri per via delle sue spiagge, che oltre ad avere una sabbia corta con l’alta marea, permettono tuffi unici in acque cristalline. Le sue tipiche e piccole case prendono vita e trasformano un luogo super tranquillo e senza abitanti in autunno-inverno, in un borgo ricco di cultura e di villeggianti che occupano e riempiono le terrazze dei locali e ristoranti tipici e tradizionali di questo nucleo in alta stagione.

Isola di Armona

Oltre 9 km. In lunghezza, quest’isola è composta da spiagge nella Ria Formosa e di fronte al mare. Sul lato ovest si trova il borgo e il molo d’imbarco di Armona, dove all’ingresso è possibile fare la prima sosta presso i suoi tradizionali bar e ristoranti. Successivamente, troviamo una passerella in cemento con circa 2 km. con molte ramificazioni e che invita turisti e visitatori ad un tour tra gli stretti vicoli con case tipiche e diversi punti di sosta anche per bere o mangiare qualcosa fino a raggiungere la spiaggia sul lato dell’oceano. Oltre alle abitazioni, c’è una zona più selvaggia, dove è possibile trovare, ad esempio, camaleonti e altri esemplari della fauna e della flora locale. Gli abitanti non sono molti (circa 100), anche se ci sono più di 150 abitazioni, tuttavia, in alta stagione, l’isola è molto frequentata e le case occupate. Uno dei luoghi più belli dell’isola è la sua laguna pulita, che invita a fare un tuffo quando la marea è più alta. Si trova vicino alla Ria Formosa, sul lato più occidentale dell’isola. Armona dispone anche di un campeggio ed è molto invitante per gli sport acquatici come canoa, vela e immersioni. Anche la pesca ricreativa è molto popolare. Se camminiamo lungo l’isola attraverso il canale dell’estuario, da un capo all’altro, passeremo accanto ai vivai di vongole e ostriche fino a raggiungere l’altro lato dell’isola, a est, dove troveremo le famose spiagge di Fuseta. Un luogo deserto e selvaggio che ha solo infrastrutture per la spiaggia e lo sbarco dei passeggeri.

Isola Deserta / Barreta

L’isola Deserta o l’isola di Barreta è dove si trova Cabo de Santa Maria, che è il punto più meridionale del Portogallo continentale. Un luogo oggi disabitato ma, fino alla fine degli anni ’80, contava circa 50 case e alcuni abitanti. Ha una lunghezza di circa 9 km., con dune e spiagge abbastanza ampie e invitanti per la scarsa affluenza. Si tratta di un’area di protezione totale per la sua ricca fauna e flora, con circa 200 specie vegetali diverse e uno dei pochi luoghi della Ria Formosa dove è ancora possibile osservare il Camaleonte Chameleo chameleon. Intorno all’isola Deserta è possibile trovare alcuni isolotti, soprattutto con la bassa marea e che offrono uno scenario da “piccoli Caraibi”, con acque cristalline che regalano contrasti unici.

Isola di Tavira

La più frequentata delle isole barriera durante l’estate. L’isola di Tavira è lunga 11 km. con spiagge uniche e famose come la spiaggia di Tavira, la spiaggia di Terra Estreita, la spiaggia di Barril e la spiaggia di Homem Nú. Dispone di un campeggio, spiagge naturiste legalizzate e diversi ristoranti tipici lungo le varie spiagge. Sull’isola è possibile trovare circa 20 case di abitazione, ma i residenti sono pochissimi. È l’unica isola della Ria Formosa dove è possibile trovare un ponte pedonale e attraversarlo a piedi, situata nel villaggio di Pedras d ́el Rei, vicino a Santa Luzia.

mapa da ria formosa algarve
Half Day

Visita guidata di 3,5 ore.

Tour al tramonto

Visita guidata di 1 ora.

Osservazione degli uccelli

Visita guidata di 45 minuti.

PRENOTA ORA
La tua esperienza

Tutto questo “cocktail” di sensazioni sopra descritte non sono solo parole, sono un invito a visitare e vedere di persona, scegliendo una delle opzioni che abbiamo da offrirvi.

Reserve Agora